THIS WEEK’S PARASHA

n.52 Nitzavim & n.53 Vayelech

Nitzavim – Vayelech

Moses describes the Covenant between G-d and the Israelites, urging the Israelites to uphold the Covenant and honor the Torah, so that they may be rewarded with life in the land of Israel. Moses continues his last speech before the Israelites: “You are standing before G-d in order to enter into the Covenant of G-d and take the oath that G-d makes with you, so that G-d may fulfill G-d’s promise to your fathers Abraham, Isaac and Jacob. It is not with you alone, but with those who are here and those who are not here that G-d makes this Covenant and oath.” Moses continues: “You remember how we dwelt in the land of Egypt as slaves and saw the Egyptians worshipping their idols. If any of you turns your heart away now from our G-d to serve these foreign gods, there could be among you a root that will someday ripen as a poison. G-d will not be willing to forgive those who know of this Covenant but follow their own selfish heart.” Moses concludes his speech to the Israelites, blesses Joshua, and instructs the community to gather every seven years to read publicly from the Torah; G-d predicts the eventual straying of the Israelites. The Israelites are still gathered on the bank of the River Jordan listening to Moses saying: “I am 120 years old today. G-d has told me that I shall not pass over into the Promised Land. Still, G-d will pass before you. G-d will destroy the nations so that you can take possession of the land. You shall deal with these nations as you have been instructed. Be steadfast and strong and do not fear these nations or be frightened of them, for G-d is going with you. G-d will not let go of you, nor will G-d forsake you.” Then Moses calls Joshua and says to him before the eyes of all Israel: “Be steadfast and strong, for you are to go with this people to the land that G-d swore to their fathers to give to them. You shall have them take possession of it, to inherit it. G-d will be with you.”
——————————————————————————————————————————————-
Moshé illustra il patto tra il Signore e gli israeliti, sollecitando questi ultimi a rispettarlo e a onorare la Torah: solo così verranno ricompensati con il permesso di vivere in terra d’Israele. Moshé continua così il suo ultimo discorso davanti agli israeliti: «Vi trovate dinnanzi al Signore per essere ammessi al patto con il Signore e sottoscriverlo, così che il Signore possa realizzare quanto promesso ai vostri padri Abramo, Isacco e Yaakov. Il Signore ha pensato questo patto e il giuramento che lo sancisce non per voi soltanto, ma anche per gli altri che si trovano qui e per quelli che qui ora non sono». Moshé continua: «Tutti voi ricordate quando, da schiavi, osservavamo gli egiziani venerare i loro idoli. Poniamo che ora vi sia uno, tra di voi, tentato di voltare le spalle al nostro Signore e mettersi al servizio di divinità straniere: questi è già una radice che un giorno maturerà come veleno. Il Signore non sarà disposto a perdonare coloro che, pur a conoscenza, e accettando, questo patto, preferiranno seguire il loro cuore egoista». Moshé conclude quindi il suo discorso, benedice Yehoshua e decreta che la comunità si riunisca ogni sette anni per leggere pubblicamente la Torah. Il Signore prevede che gli israeliti dovranno errare a lungo. Moshé si rivolge ancora agli israeliti, riuniti sulla riva del fiume Giordano: «Ho 120 anni. Il Signore mi ha detto che non riuscirò a raggiungere la Terra Promessa. Prima di voi arriverà il Signore. Il Signore distruggerà le altre genti, così che possiate prendere possesso della terra. Dovrete scendere a patti con queste genti in base alle istruzioni che avete ricevuto. Siate decisi, forti, senza timore o spavento di fronte a loro: il Signore è al vostro fianco. Il Signore non si dimenticherà di voi e non vi abbandonerà». Quindi Moshé chiama Yehoshua e gli dice, chiamando tutti gli israeliti a testimoni: «Sii deciso e forte, è tuo dovere condurre il tuo popolo nella terra che il Signore ha giurato ai nostri padri di consegnargli. Dovrai assicurarti che ne prenda possesso, se dovrà diventare eredità per i figli dei nostri figli. Il Signore sarà sempre al tuo fianco».

Parasha Vayelech – Parashot Vayelech Parasha Vayelech - THIS WEEK'S Parasha n.53 Jewish Art The Studio in Venice by Michal Meron – The Illustrated Torah Scroll
Parasha Nitzavim – Parashot Nitzavim Parasha Nitzavim - THIS WEEK'S Parasha n.52 Jewish Art The Studio in Venice by Michal Meron – The Illustrated Torah Scroll